Risposte aziendali a problematiche varie “Bancone”

Risposte aziendali a problematiche varie “Bancone”

Lo scorso 10 novembre si è tenuto un incontro nel corso del quale sono state fornite alle OO.SS. alcune risposte alle numerose problematiche del “Bancone” sottoposte all’Azienda nelle scorse settimane.

Ex ROL – Riconoscimento inquadramento
Sono stati sistemati, secondo le affermazioni aziendali, gli unici casi (Belluno e Trieste) rimasti in sospeso dopo il carve-out dell’1.11.2010 relativamente al riconoscimento inquadramentale (QD3) previsto dal CIA 27.09.2007 per le figure di ex ROL operanti nei mercati a “rilevante complessità organizzativa”.
Invitiamo le RSA a segnalarci eventuali ulteriori casi ancora in attesa di definizione.

GIANOS – Questionario
Il ritiro del questionario è obbligatorio (in ottemperanza alle disposizioni di legge) in tutti i casi di apertura di rapporti nominativi. Solamente nel caso di più rapporti aperti allo stesso nominativo nell’arco della stessa giornata è sufficiente il ritiro di un unico questionario.
Per i delegati (che vanno comunque sempre censiti) non è necessario il ritiro, mentre lo è per tutti gli altri soggetti (es. incaricati).

HOUSEHOLD FINANCING
A fronte dei chiarimenti chiesti dalle OOSS, l’Azienda ha proposto un incontro specifico per approfondire i cambiamenti nell’organizzazione del lavoro intervenuti negli ultimi mesi. nel corso
Sul Polo di Palermo non risultano in sospeso domande di ricollocazione avanzate dai lavoratori, dato, questo, contestato dalle OO.SS..
Sulla reiterata contestazione sindacale circa la non conferma di lavoratori con contratto di somministrazione e la loro sostituzione con altri assunti con identica tipologia contrattuale, l’Azienda si è riservata un approfondimento.

OPERATORE UNICO
Al momento sono circa 250 i lavoratori che ricoprono questo ruolo professionale introdotto recentemente.
Viste le condizioni logistiche nelle quali queste nuove figure si trovano ad operare e la necessità di garantire adeguate condizioni di sicurezza per chi maneggia valori, le OO.SS. hanno richiesto se e quali “linee guida” generali siano state adottate. L’Azienda si è dichiarata disponibile a fornire le informazioni richieste in maniera approfondita nel corso di un
incontro ad hoc sul tema, più generale, della “Sicurezza” da concordare quanto prima.

SISTEMI ANTI MALORE
Verranno sostituiti da un “braccialetto elettronico” collegato, tramite sensore, ad una centralina presente in agenzia che, nei casi di emergenza, invia specifico segnale d’allarme alla Centrale Operativa.
Al momento questo nuovo sistema verrà adottato in circa 150 agenzie pilota presenti nelle province di Bologna e Modena (agenzie anche con più di un solo operatore).

BANCOMAT – Funzionalità per non vedenti
A fronte di una precisa richiesta avanzata negli scorsi mesi è ora ora in corso di installazione apposito software, per alcune tipologie di bancomat, che permette un utilizzo completo anche ai non vedenti.
Nel corso del prossimo anno verrà reso disponibile un nuovo software da poter applicare a tutte le apparecchiature bancomat, indipendentemente dal modello.

Banca Multicanale: progettto pilota di video chiamata VOIP
L’Azienda ha precisato che il progetto prosegue e che tutti i lavoratori coinvolti sono volontari. Come gia espresso a livello locale (Milano) abbiamo espresso forti criticità al testo di lettera di manleva fatta sottoscrivere in forma volontaria ad alcuni colleghi e forti perplessità sulla delicata e conseguente problematica della privacy.

Foreign trade center
La finalità della procedura “back log” (evidenza arretrati per singolo ftc) secondo quanto dichiarato dall’Azienda, è esclusivamente quella di individuare le pratiche arretrate non chiuse e non di controllo a distanza dei lavoratori e neppure di verifica dell’adeguatezza degli organici.
A seguito di precedente segnalazione delle OO.SS., l’Azienda ha bloccato la divulgazione di classifiche comparative relative all’operato degli “specialisti di prodotto” e ci ha voluto precisare, stigmatizzandole, come si sia trattato di iniziative individuali.
Le OOSS hanno rilevato la contraddizione tra le affermazioni di strategicità dell’attività e la mancata sostituzione dei colleghi in uscita per esodo che si accompagnana alla mancata stabilizzazione di un certo numero di lavoratori con contratto di somministrazione. Resta quindi da chiarire quale sia il progetto aziendale circa questo importantissimo segmento dell’attività della banca, anche per il suo contributo alla crescita dei ricavi dell’azienda.

FORMAZIONE DI RUOLO
Nella Direzione Network “Sud” è partito, dal corrente mese, un progetto di formazione di ruolo certificato, denominato “Training on the job”, che verrà esteso alle altre D.N. a partire da gennaio 2012.
Come OOSS abbiamo sottilineato come con il nuovo “Modello di Rete” e con le ricadute che questo sta avendo su moltissimi lavoratori in termini di mobilità professionale, il tema della “Formazione” è quantomai prioritario.
Anche per questo l’Azienda ha condiviso l’opportunità di
fissare uno specifico incontro.

PEGNO
Sull’argomento le OO.SS., ritenendo evasive le risposte fornite dall’Azienda, hanno nuovamente richiesto di verificare la corretta applicazione dell’accordo relativamente a inquadramenti e indennità e di riconoscere ai lavoratori quanto loro spettante.

PRESSIONI COMMERCIALI
Nonostante la reiterata disponibilità aziendale ad intervenire ogni qualvolta vengano denunciati indebiti comportamenti, il problema permane e, anzi, con l’approssimarsi della fine anno, si aggrava ulteriormente.
Da qui la necessità di
fissare a breve un incontro su una tematica che è certamente tra le più sentite e sofferte in rete.

RUOLO CHIAVE RETE PER “DDA”
L’Azienda ha confermato che segue le stesse dinamiche del “ruolo chiave” previsto dal CCNL consolidandosi, quindi, dopo 12 mesi dal riconoscimento economico.

COMUNICAZIONE LAVORO STRAORDINARIO
Molte strutture sindacali territoriali (nel caso della Fisac sono meno di 30) non hanno ricevuto le segnalazioni aziendali relative ai dati del “lavoro straordinario”.
L’Azienda ha comunicato che molte segnalazioni inviate via mail sono, in effetti, ritornate al mittente a causa di sistemi di protezione che impediscono ai destinatari di ricevere gli allegati se non addirittura le mail.
In altri casi la mancata ricezione è stata determinata dalla trasmissione, da parte delle OOSS, all’azienda di indirizzi mail non corretti o nel frattempo variati.
L’azienda ha garantito un nuovo inoltro in tempi brevi, non appena verranno forniti gli indirizzi che risultano non più in essere ovvero i nuovi indirizzi.
Come Segreteria di Coordinamento abbiamo provveduto ad inoltrare alle strutture Fisac regionali un elenco degli indirizzi mail dei territoriali che risulterebbero non più corretti invitando i Regionali Fisac ad una verifica per poter poi comunicare all’Azienda, nostro tramite, quelli aggiornati.


Su alcune tematiche di particolare rilievo (come “Pressioni commerciali”, “Sicurezza”, “Formazione”) dovremo effettuare i necessari approfondimenti in occasione dei citati specifici incontri da fissare con l’Azienda in tempi stretti di cui vi terremo, come sempre, puntualmente informati.

Nel frattempo, anche a seguito della partenza del nuovo “Modello di Rete”, invitiamo tutte le RSA a tenerci costantemente aggiornati in particolare su eventuali nuove problematiche che dovessero emergere nei vari territori.


Milano, 18 novembre 2011

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: Risposte aziendali a problematiche varie “Bancone”

Login