MANOVRA GOVERNATIVA E IMPATTI SUGLI ESODI CONCORDATI

MANOVRA GOVERNATIVA E IMPATTI SUGLI ESODI CONCORDATI

Nelle giornate del 3 e 4 giugno abbiamo affrontato con la Capogruppo la tematica delle conseguenze della manovra governativa in tema previdenziale sui piani di esodo concordati in Unicredit.

Abbiamo preso atto che la manovra governativa non inciderà sui pensionamenti diretti previsti per il 1° luglio 2010 che rimangono confermati.

Al contrario, la manovra incide sulle domande d’ingresso al Fondo di Solidarietà in quanto modifica le condizioni di accesso alle finestre pensionistiche.

In riferimento a quanto sopra e tenuto conto che la nuova normativa non può ancora essere considerata definitiva, in quanto è stata emessa sotto forma di Decreto Legge datato 31 maggio, e che tale DL dovrà essere quindi esaminato e convertito in legge entro 60 giorni, abbiamo ritenuto indispensabile concordare con l’Azienda di differire di un mese l’accesso al Fondo di Solidarietà dal 1° luglio al 1° agosto.

Tutto ciò al fine di consentire, a tutela dei colleghi, di valutare tutti gli effetti della Riforma Previdenziale prevista dal Governo.

Per quanto riguarda le colleghe/i a Part-Time che, in vista dell’uscita del 1° luglio, sono rientrate a tempo pieno dal 1° giugno, sottolineiamo che dovranno rimanere a tempo pieno anche per tutto il mese di luglio.

Nel mese di Luglio, alla luce di una normativa ormai definitiva e dei chiarimenti che interverranno, affronteremo nuovamente con la Capogruppo l’argomento al fine di trovare le migliori soluzioni possibili.

Tutta la materia è comunque oggetto anche di approfondimento da parte di ABI e delle Segreterie Nazionali delle scriventi OO.SS.



Milano, 4 giugno 2010



Le Segreterie di Gruppo di UniCredit Group
Fabi Fiba/Cisl Fisac/Cgil Silcea Sinfub Ugl Credito UilCa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: MANOVRA GOVERNATIVA E IMPATTI SUGLI ESODI CONCORDATI

Login