MBO 2006: avevamo ragione noi – Valutazioni 2006

MBO 2006: avevamo ragione noi – Valutazioni 2006

Nel corso della trattativa per il Rinnovo del CIA l’Azienda ha anche fornito i dati relativi MBO ed alle Valutazioni 2006.
Per quanto riguarda l’MBO l’importo erogato è stato complessivamente di 86 milioni di €, in aumento rispetto ai 75 milioni preventivati ed ai 68 milioni del 2005.
A fronte dell’incremento della spesa si registrano un forte incremento del numero dei colleghi che hanno percepito l’Incentivo ma un abbassamento dell’importo medio erogato.
Questi dati inducono qualche elemento di riflessione:

– la quantità di retribuzione discrezionale erogata attraverso i Sistemi Incentivanti ha ormai raggiunto il costo del Premio Aziendale (raffronto tra erogazione su Bilanci e META 2006 erogati nel 2007);

– l’esasperazione nell’utilizzo dello strumento “Incentivi” ha creato problemi e di non poco conto all’Azienda, tanto è vero che l’architettura del Sistema è stata cambiata, con significativi cambiamenti nella distribuzione del Monte complessivo;

– come avevamo rilevato nel Dicembre 2005, alla presentazione di META, l’Azienda ha avvertito la pervasività e l’eccessiva progressività del meccanismo incentivante, da noi da tempo puntualmente denunciate, ed ha messo in campo un diverso Sistema, scientificamente
orientato all’erogazione di più bassi importi ed all’allargamento, in presenza di un andamento favorevole del mercato, della platea dei beneficiari.

Nel far tutto ciò ha voluto ribadire, fuori dallo spirito del Protocollo del 16 giugno 2004 e della conseguente norma contrattuale, come il Sistema Incentivante fosse sua esclusiva competenza, rifiutando nei fatti di confrontarsi con la Piattaforma presentata dal Sindacato nell’Ottobre 2005, che tali problemi denunciava ed affrontava, in un’ottica di chiarezza – trasparenza – equità.
Vedremo nei prossimi anni se il persistere di queste contraddizioni verranno affrontate con il ricorso ad altri strumenti, ad ulteriori revisioni del Sistema oppure se finalmente prevarrà la logica del confronto con il solo agente portatore di una proposta veramente alternativa, elaborata peraltro senza disconoscere la realtà di un’Azienda sempre più volta ad un’attività commerciale: questo Sindacato.

Questi comunque i dati:

MBO

– Direttori CPI 91% Beneficiari
– Consulenti Piccole Imprese 87% Beneficiari
– Direttori di Agenzia 94% Beneficiari
– Consulenti Personal Banking 93% Beneficiari
– Sviluppatori 86% Beneficiari
– Ruoli inseriti nei Premi di Squadra 95% Beneficiari

Sulla totalità dei Colleghi potenziali destinatari di Premi, gli effettivi beneficiari sono il 90%.
Il raggiungimento della totalità degli Obiettivi di Meta 10 è stato realizzato da 276 Colleghi e da 1 Capo Mercato.

Per poter avere un quadro più completo, tale da permettere un giudizio più ampio ed articolato, abbiamo bisogno dei dati suddivisi per fasce di importo, in modo di poter capire se gli addensamenti per ogni figura professionale presentassero o meno significativi scostamenti in merito alle quantità percepite.
Persistendo la DG nell’atteggiamento sopra denunciato, e riparandosi l’Azienda dietro una prassi contrattuale sull’argomento ripetuta negli anni precedenti, tali dati non ci sono stati forniti. A conferma dei ragionamenti sopra sviluppati.
Per quanto riguarda l’applicazione dei nuovi Criteri di Valutazione, questi sono i risultati comunicatici:

Valutazioni

– Non Valutabili 2% giudizi assegnati
– Prestazione Insoddisfacente 0,14% giudizi assegnati (32 persone)
– Prestazione nel complesso in linea con le attese 15 % giudizi assegnati
– Prestazione del tutto in linea con le attese 49,59% giudizi assegnati
– Prestazione che va oltre le aspettative 31% giudizi assegnati
– Prestazione che si distingue per straordinarietà 1,30% giudizi assegnati

I ricorsi presentati ai sensi dell’art. 57 del vigente CCNL sono 131.
I risultati rassegnatici disegnano un quadro ben diverso da quello del 2004 quando, in sede di assegnazione dei giudizi inerenti il 2003, vi fu un abbassamento generalizzato delle valutazioni.
Eventuali dati significativamente divergenti nei Territori devono in tutta evidenza essere oggetto di confronto tra le RSA interessate ed il RR competente oltreché oggetto di segnalazione a queste Segreterie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: MBO 2006: avevamo ragione noi – Valutazioni 2006

Login