Incontro 2005 in Direzione Generale sull’Organizzazione del Lavoro – Comunicato Unitario

Incontro 2005 in Direzione Generale sull’Organizzazione del Lavoro – Comunicato Unitario

Nei giorni scorsi si è tenuto un incontro con i Direttori Centrali Sig. Giovanni Buson – U.O. Sportello Operativo e Tecnologico – Sig. Mario Giordano – U.O. Coordinamento Servizi Operativi alla Rete – Sig. Gianni Tamagnone – U.O. Processi Creditizi ed Estero.
Si tratta del secondo incontro di questo tipo, una conferma dell’impegno che l’azienda aveva preso lo scorso anno, dietro richiesta delle OO.SS., di mettere in calendario, in un contesto di organico confronto tra le parti, un aggiornamento sulle modifiche organizzative di prossima introduzione ed un riepilogo di quanto fatto in precedenza.
Nell’incontro l’azienda ha inizialmente svolto un riepilogo delle innovazioni e degli strumenti messi in opera per poi passare ad illustrare quanto accadrà nel breve periodo, confermando che, sulla base di una “filosofia” bottom- up, il metodo adottato per ogni riforma procedurale o riassetto organizzativo è quello di un confronto con la Rete, seguito da un monitoraggio continuo delle novità introdotte allo scopo di individuare eventuali aggiustamenti.
I dati aziendali
Le novità già introdotte nel corso dell’anno sono, in breve:
Prodotti / Processi che riguardano lo Sportello – Interventi organizzativi, individuati attraverso l’attivazione di Focus Group su 30 agenzie [le conseguenze positive attese, e secondo l’azienda già verificate, consistono sostanzialmente in risparmi di tempo per complessivi 60 minuti giornalieri, da “spalmare” su tutti i Ruoli previsti negli Sportelli] – Interventi sulle apparecchiature – Accentramenti presso UPA – Eliminazione di 138 Tabulati – Implementazione dello strumento Quickly – Modifiche delle procedure richieste per il Ticket Remedy – Diminuzione dei tempi medi di risposta degli Help Desks – Completamento della Formazione da erogare ai ROL – Erogazione di Formazione nell’ambito della nuova articolazione dei Centri Estero per 288 consulenti PI, 223 assistenti PI, 87 addetti estero Ag. e per 258 addetti Agenzie, in riferimento all’operatività di 2° e 3° livello – Revisione delle Attività di Monitoraggio del Rischio – Completamento l’acquisizione dell’attività di 1° livello.
Qualche difficoltà è stata denunciata dalla Direzione in merito al caricamento dei bilanci: i dati disponibili al momento dell’incontro parlavano di una percentuale del 50%, con forti diversità tra i risultati dei Centri PI (63%) e quelli dei Direttori di Agenzia (33%).
L’obiettivo per la fine anno è stato individuato nell’ 80%. Verranno esercitate sollecitazioni in tal senso.
Le novità annunciate sono:
1- Nuovo Sportello Esecutivo: il nuovo applicativo, che accoglie i suggerimenti elaborati da un Focus Group a cui hanno partecipato 30 tra ASC e RSC, viene sperimentato da 50 agenzie ed è basato sulla Tecnologia WEB e prevede per ogni transazione un box in alto a destra, contenente NDG – Numero del C/C – Nome del Cliente – Saldo del C/C – Pulsante per richiamare la Scheda Cliente.
Questo menù verrà aggiornato in base alle priorità aziendali e risponderà anche alla necessità di suggerire all’operatore le azioni commerciali di volta in volta ritenute necessarie al raggiungimento degli obiettivi. L’applicativo vedrà inoltre la standardizzazione delle “maschere di transazione” con la diminuzione delle pagine da sfogliare, l’assegnazione ad ogni campo della stessa posizione in tutte le transazioni ed il caricamento automatico dei dati già presenti nei diversi archivi aziendali.
2- Dotazione di Scanner: in 5 Agenzie si sta sperimentando l’utilizzo di scanner per il pagamento di F24 normalizzati. Verranno inoltre messe in dotazione 6.000 pistole ottiche, per la scansione di effetti e deleghe di pagamento.
3- Firme a Video: il progetto, che avrà termine nel 1° trimestre 2007, verrà sperimentato entro il 10 dicembre in 3 Agenzie (Milano Cadore – Milano Buenos Ayres – Milano S.Orsola) per essere poi esteso a tutta la Rete dal 1° gennaio 2006. Le prime ad essere interessate saranno le Agenzie con meno di 7.000 firme, poi da Luglio 2006 tutte le altre. Il calendario degli interventi nelle Agenzie verrà concordato con le Direzioni Regionali, ed in caso di ritardi od oggettive difficoltà sarà possibile una sua rimodulazione.
4- ATM evoluti: questa la situazione 2005 e le previsioni per il 2006 – Marzo 2005: avviati 17 – Luglio: 25 – Novembre: 146 – Gennaio 2006: 20 – Marzo: 132 – Luglio: 153 – Novembre: 130 – Marzo 2007: 138 – Luglio: 119.
5- Fix the Rest – gli interventi sulla Micro-organizzazione: il progetto consiste in una visita di 1-2 giorni da parte di personale della D.G. appositamente formato, accompagnato dai Rol o da Addetti da loro delegati e forniti di una Scheda Informativa sulle caratteristiche dell’Agenzia (n° di Clienti, loro composizione, operazioni più frequenti, eventuali casistiche particolari, organici, quantità operaizoni medie giornaliere, ecc.) e di una Check List Organizzativa (elenco degli aspetti di organizzazione da verificare) elaborate centralmente. I risultati attesi sono quelli di una maggior integrazione operativa tra le culture e le funzioni presenti in Rete: Organizzazione, Personale e Commerciale, e di un dialogo più efficace fra Direzione Generale e Direzioni Regionali.
6- Interventi sulle attività di Erogazione e Monitoraggio dei Crediti: è in corso di realizzazione la NPR (Nuova Pratica Retail) per le Agenzie, in sostituzione dell’attuale CRCL. Andando ad affiancarsi con l’analogo applicativo rilasciato nel 2005 per i Centri Piccole Imprese, ed essendo integrata con il CRSB, deve essere valutata nella prospettiva dell’attivazione di un unico Ambiente Crediti.
Gli obiettivi sono quelli, come già per il Nuovo Sportello Esecutivo, di semplificare l’utilizzo della procedura, di immettere in automatico i dati già presenti negli archivi aziendali, di ridurre le differenze tra le varie “mappe”, che peraltro passano da 30 a 15. La sperimentazione partirà nel primo bimestre 2006 in una Direzione Regionale.
È invece già in sperimentazione, nella D.R. Emilia Ovest, la procedura INR (Incagli e Revocati) che permetterà l’estinzione, con un solo passaggio informatico, di tutti i rapporti legati all’NDG per cui è stata decisa la revoca.
7 – Apertura Nuovi Sportelli: Desio, Roma Monte Cervialto e Buccinasco – già aperte – Casalnuovo di Napoli, Rapallo e Roma D’Onofrio – apertura prevista per il 12/12/05 – Terracina e Tivoli – apertura prevista per il 19/12/05 .
8 – Trasferimenti ad UPA:
da effettuare – Gestione attività amministrative Estero – Mutui: Accentramento attività post delibera , Gestione post erogazione e post vendita – Lavorazione garanzie ipotecarie – Completamento pignoramento presso terzi – Indagini per le autorità giudiziarie – Crediti Speciali e Confidi.
allo studio – bonifici – pagamenti F24 – gestione contabile ATM remoti.
Le nostre valutazioni
L’incontro costituisce la conferma di un metodo nel rapporto con il Sindacato che trova il nostro apprezzamento, in quanto sistematizza il quadro organizzativo in cui le novità vengono ad inserirsi.
Il confronto permette inoltre di conoscere la percezione che la Direzione ha della situazione organizzativa, quali sono le priorità individuate, quali le linee lungo le quali prevede di operare; e, naturalmente, di rappresentare da parte nostra le letture, spesso diverse, della realtà lavorativa, di evidenziare con forza le esigenze che individuiamo, di spingere la banca ad affrontare problematiche trascurate nella sua analisi.
Sono emerse alcune discrasie tra la presentazione dei nuovi strumenti fatti nell’incontro precedente (settembre 2004) e i giudizi enunciati quest’anno: a dimostrazione di come anche il miglior strumento concepito poco o nulla può a fronte di una politica del taglio dei costi, che va a colpire le necessarie condizioni minime, ambientali e tecniche, per poter lavorare (es.: il Ticket Remedy).
Questa politica si contrappone peraltro a forti investimenti tecnologici: è la conferma che il Gruppo alloca le risorse con l’obiettivo, perseguito in maniera quasi ossessiva, di razionalizzare ed incrementare i tempi dedicati all’attività di vendita, trascurando ogni altra possibile spesa, perfino (dal suo punto di vista) anche quando il mancato intervento provoca danni alla propria immagine nei confronti della Clientela.
Se una cosa infatti emerge nitidamente dagli incontri del 2004 e di quest’anno, è la coerenza forte e stringente tra le innovazioni, gli strumenti adottati e gli obiettivi del Piano Industriale, la funzionalità di quanto illustratoci al perseguimento di una significativa contrazione dell’attività esecutiva, per liberare tempo da dedicare alla vendita, con il progressivo coinvolgimento (iniziato non da oggi) di tutte le figure professionali.
È altresì sintomatica di tale linea di sviluppo aziendale la soluzione, provvisoria, che la Direzione ha prospettato alla vertenza romana sugli organici: un’accelerazione nei tempi di messa in funzione dei 20 ATM evoluti già previsti.
La lettura del processo di riorganizzazione deve tenere conto sia degli effetti sulla situazione immediata che di quelli in prospettiva:
OGGI, l’incremento dei carichi di lavoro che queste innovazioni (ATM, nuove mansioni di vendita previste dal Progetto BIG) portano in una situazione di carenze d’organico, accentuate in molte zone del Paese (ma non in tutte) dai Pensionamenti Incentivati;
DOMANI, le opportunità professionali, le necessità formative, lo stress di adattamento, le possibili risposte contrattuali (Inquadramenti) che la nuova promiscuità di mansioni porta con sé, le possibili conseguenze di una politica di forte differenziazione dei canali distributivi può avere sulla struttura stessa dell’azienda e dell’occupazione.
Il Progetto BIG e gli interventi di Micro-organizzazione preannunciati rispondono alla logica sopra illustrata ma, anche, alla necessità di un’omogenizzazione sul territorio nazionale dell’organizzazione del lavoro.
L’azienda riconosce con ciò che il problema denunciato dal Sindacato è reale e che le soluzioni individuate lo scorso anno non hanno sortito l’effetto sperato. È questo un problema non solo aziendale, ma sicuramente sentito anche dai Lavoratori e dalle Lavoratrici cui bisogna che la Banca ponga rimedio in tempi sufficientemente brevi.

Bologna , 15 Dicembre 2005 Le Segreterie di Coordinamento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: Incontro 2005 in Direzione Generale sull’Organizzazione del Lavoro – Comunicato Unitario

Login