NON SI VENDONO I LAVORATORI

NON SI VENDONO I LAVORATORI

Alla vigilia dello sciopero del 28 ottobre, indetto contro la cessione della Banca Depositaria e del back office dei Titoli, ne ricordiamo brevemente le motivazioni:

=> la cessione smentisce lo spirito di appartenenza e di identità di Gruppo, progetti sui quali il management di Unicredit afferma di credere molto;

=> se esiste un problema di liquidità, questo nasce dal progetto di integrazione con HVB e può e deve essere affrontato percorrendo strade diverse. Il progetto, di notevole spessore, è contrassegnato anche da ricadute occupazionali pesanti, in Italia, in Germania, in Austria e nei Paesi della New Europe. La perdita di posti di lavoro si aggiunge a quella derivata dal Piano Industriale, le cui conseguenze sulle condizioni di vita e di lavoro sulle Reti italiane abbiamo ripetutamente denunciato;

=> l’individuazione di Banca Depositaria come attività non core business apre la porta ad un processo, che può diventare inarrestabile, di ulteriori esternalizzazioni anche di altre Aziende del Gruppo. A chi toccherà domani essere messo alla porta?

=> l’uscita dal Gruppo può significare la perdita della sicurezza del posto di lavoro e di trattamenti economici e normativi importanti, frutto dell’impegno solidale di tutti. Altro che “nuove opportunità di crescita professionale”! Per favore: basta con le favole;

=> per UPA, in particolare, la esternalizzazione dell’attività dei titoli somma i suoi aspetti negativi a quelli, già pesanti, della delocalizzazione in Romania di numerose attività.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: NON SI VENDONO I LAVORATORI

Login