INCONTRO CON L’AZIENDA DEL 1.3.2005

INCONTRO CON L’AZIENDA DEL 1.3.2005

Il 1.3.2005 le OO.SS hanno incontrato i rappresentanti dell’azienda nell’ambito di un calendario di incontri richiesti per chiarire e portare a soluzione alcune problematiche sollevate già da tempo.

=> Visite oculistiche in attuazione del piano di prevenzione sanitaria

l’Azienda ci ha informato come dall’inizio di S3 ad oggi abbia ritenuto di ampliare il perimetro delle figure professionali da ritenersi soggette al rischio “videoterminale” includendovi tutto il personale con eccezione di coloro i quali, per il tipo di incarico , trascorrono di norma solo una parte della giornata lavorativa davanti a un video e cioè : gestori, specialisti di prodotto, direttori di filiale, e, nelle Condirezioni e Direzioni, tutte le alte professionalità.
L’iniziativa coinvolgerà circa 2140 colleghi e colleghe che, su base volontaria, verranno sottoposti entro la fine dell’anno ad un controllo della funzione visiva: a tal scopo l’Azienda ha incaricato il proprio medico di costituire una rete di specialisti sul territorio nazionale, almeno uno in ogni provincia, che riceveranno in ambulatorio, previo appuntamento. Dopo la prima visita potrà seguire, se necessario, un ulteriore accertamento specialistico.
I colleghi e le colleghe che ravvisassero, nel proprio caso, un carattere di particolare urgenza potranno richiedere l’effettuazione del primo controllo il più presto possibile nei modi che verranno indicati nell’apposita circolare che uscirà nei prossimi giorni.

Come OO.SS accogliamo favorevolmente l’iniziativa che, sollecitata da tempo a livello locale (Direzioni Regionali) e alla Direzione Generale, verrà realizzata con un’ampiezza tale non riscontrabile nel resto del Gruppo.

=> Utilizzo dei telefoni cellulari aziendali

Nel maggio scorso i colleghi e le colleghe assegnatari di un cellulare aziendale ricevettero una comunicazione, da rendere sottoscritta, che conteneva la presa d’atto che l’uso del cellulare medesimo era da considerare strettamente connesso all’attività professionale. L’Azienda si riservava inoltre, ove lo ritenesse, di operare un controllo sulle modalità di utilizzo dell’apparecchiatura. Tale lettera diede adito a malumori e ad un diffuso sconcerto circa i “controlli” personali che potessero essere attivati e la loro legittimità. Le OO.SS. chiesero un chiarimento al riguardo che solo ora viene fornito e che dovrebbe sgombrare il campo, seppur con grave ritardo, da possibili perplessità.
L’azienda ha spiegato che la comunicazione di cui sopra trovava e trova la propria ragion d’essere in due ordini di motivi:
-uno di carattere meramente fiscale in quanto e’ servita e serve a caratterizzare il telefono cellulare come una dotazione aziendale e non come benefit;
-uno di contenimento dei costi: senza voler in alcun modo limitare l’uso dello strumento, al riscontro di una spesa che vada molto oltre quella che e’ la media per figura professionale, l’Azienda si riserva un controllo di coerenza con l’attività svolta dall’assegnatario/a. Per esempio ampiezza e caratteristiche del portafoglio, eventuali criticità operative nel periodo e tutte le altre analoghe giustificazioni. Questo e’ l’unico tipo di verifica sin qui svolta, non ve ne saranno altre e, ad oggi, non ha portato alla luce nessun tipo di utilizzo anomalo del mezzo.

Le OO.SS, stigmatizzando comunque il ritardo col quale sono stati forniti i chiarimenti, restano a disposizione per accogliere, sull’argomento, le eventuali segnalazioni negative provenienti dai colleghi e dalle colleghe.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: INCONTRO CON L’AZIENDA DEL 1.3.2005

Login