Incontro del 23.11.2004

Incontro del 23.11.2004

Dopo il periodo di sospensione delle Relazioni Sindacali, necessario per sbloccare la trattativa nazionale del CCNL (gli incontri stanno faticosamente proseguendo), è ripreso il confronto con la Direzionale del Personale.
Com’è noto il 27 Ottobre è stato presentato il piano Industriale del Gruppo per il triennio 2004-2007, un piano che contiene, dal punto di vista Sindacale, perplessità e preoccupazioni.
E’ stato annunciato un piano di “incentivazione all’esodo” che riguarderà circa 3.000 unità, nel contempo è annunciata, inaspettatamente, l’apertura di una società in Romania del tutto simile ad UPA.
In estrema sintesi per la prima volta l’orientamento del Gruppo è focalizzato più su un ossessivo risparmio dei costi che su politiche di sviluppo. Le Delegazioni Sindacali di Gruppo hanno già sottolineato gli elementi di preoccupazione durante la relazione di Paolo Fiorentino, responsabile della nuova divisione Global Banking Services; sono previsti successivi incontri sull’esito dei quali sarà nostra cura tenervi aggiornati.

Si è ritenuto necessario, anche in sede aziendale, approfondire gli aspetti che ci coinvolgono direttamente.
La riduzione del personale prevista per la nostra Azienda è limitata alle 65 finestre pensionistiche già preventivate nei prossimi 3 anni, a queste si aggiungeranno le circa 60 risorse previste dal progetto “quota 700”. Due “macro” iniziative che riguardano la nostra azienda sono menzionate nei “lucidi” del piano industriale:

Completamento degli insourcing in Italia prevede la concentrazione della informatica del Gruppo in USI, le prossime acquisizioni saranno perfezionate il 1 Gennaio 2005 e riguarderanno più precisamente i colleghi provenienti dalla procedure di gestione del personale da UniCredit (26), il ramo informatico ING (30), e i colleghi di Pioneer (44 tra Torino e Milano).
Gestione diretta dell’informatica distribuita (hw e sw) prevede la creazione di una nuova area denominata “INFORMATICA DISTRIBUITA e SERVICE MANAGEMENT” all’interno della quale si curerà la gestione di tutto l’hardware periferico del Gruppo Unicredito.

La realizzazione di questa nuova attività comporterà il ridisegno delle attuali aree di HD, di Informatica individuale e dei Sistemi Periferici.
Le attività di HD tecnologico di I° livello saranno attribuite a Quercia mentre l’HD tecnologico di II° livello rimarrà sul polo di Bologna.
Le risorse impiegate (13/14) presso HD di Milano nell’area Informatica Individuale e Sistemi Periferici saranno ridistribuite su altre funzionalità o impiegate nelle varie UPP, favorendo un naturale Turn Over.
L’azienda ci ha assicurato che lo spostamento verso Quercia di attività ora svolte in USI, giustificata da maggiori sinergie (un’unica piattaforma tecnologica tra il nostro Help Desk e quello di Quercia), non toglierà lavoro a nessuno; ricordiamo che Quercia è collocata nell’area contrattuale dei Metalmeccanici.
Gran parte dell’incontro si è poi sviluppato in merito alle scelte strategiche che riguardano, dal punto di vista informatico, il progetto New Europe.
USI si configura come polo di riferimento per la gestione dell’informatica di Gruppo, anche per quanto attiene alle realtà delle banche dell’Est Europa, e consoliderà la struttura IT in Italia.
Questo progetto assorbirà gran parte delle energie del personale di USI nei prossimi tre anni, anzi oltre, visto che il 2009 è indicato come approdo alla costituzione, per ora solo teorizzata, di una società “USI International”.
Con sano pragmatismo ci limitiamo ad incassare una dichiarazione d’intenti: “
il perimetro aziendale di attività e risorse impiegate in Italia non subiranno alcuna modifica”.
Un ultimo nodo da sciogliere riguardava quel 40% che compare sul piano industriale alla voce “programmazione” e che desta qualche “brivido” per Sindacato e Colleghi; è stato precisato che con questo dato si intende indicare la porzione di lavoro che occuperà la gestione “in loco” delle banche dell’EST sul totale dei volumi che USI (quella Internazionale) gestirà.

Tornando a temi più attuali segnaliamo:

Per il gennaio 2005 sono previste alcune assunzioni mirate nell’unità Sistemi Open sia su Milano sia su Verona; in quest’area, in più di un’occasione, le OO.SS. avevano segnalato croniche carenze di personale.
Inoltre l’area di Knowledge Management viene spostata nell’area di Comunicazione Integrata.
Per maggior dettaglio è prevista (speriamo) la pubblicazione sul portale dell’organigramma aziendale in “queste ore”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: Incontro del 23.11.2004

Login