Ma è proprio necessario tirarci via la pelle di dosso?

Ma è proprio necessario tirarci via la pelle di dosso?

Per qualche strano motivo, mai esplicitato anche se non così misterioso, ad UPA molte cose finiscono col trasformarsi nel loro contrario: le possibilità in obbligo e le proposte in chiamata alle armi.
Così è finito che il corso di Inglese è stato sostanzialmente imposto anche a chi, per raggiunti limiti di età o perché aveva ben altro per la testa, chiedeva solo di essere lasciato in pace (please, leave me in peace!); la compilazione del questionario “ascoltare per crescere insieme” è stata sollecitata fino all’inverosimile, con possibili inquinamenti sull’attendibilità di risposte maturate in un clima di esasperazione; perfino l’illustrazione delle attività di volontariato si sta traducendo in una specie di appello stressante di mobilitazione alla guerra santa (guerra santa che ci sarebbe piaciuto vedere combattuta anche a favore di tanti nostri giovani colleghi lasciati a casa).
Per non parlare dei vari meetings e delle attività collaterali per le quali chi non ha potuto/voluto/saputo sottrarsi ai pressanti appelli all’atto di presenza ha finito col trovarsi nella situazione imbarazzante del turpe monatto.
Intendiamoci bene: il Sindacato condivide in larghissima misura lo spirito di quelle iniziative.
Per quanto riguarda il corso di Inglese, ne abbiamo apprezzato l’intento ed abbiamo raggiunto un accordo – decisamente buono – che accoglie alcuni nostri suggerimenti. Così come, nel questionario, abbiamo individuato quantomeno una possibilità, senz’altro da sfruttare, di avanzare proposte e di denunciare anche stati di malessere. Il volontariato, infine, fa parte del nostro DNA, senza che se ne senta il bisogno di oltrepassare i limiti della francescana riservatezza.
Il punto non è dunque questo, non sta nella qualità né nella bontà delle iniziative proposte.
Il punto sta in quest’ansia continua di mobilitazione generale su tutto e per tutto, in questa permanente invasione nella sfera individuale, nell’appello assillante alla presenza a tutti i costi, nell’ossessivo spirito di crociata che sembra essersi imposto ovunque. Imposto, tra l’altro, in una
Azienda “tirata a lucido” solo per visitatori importanti che potrebbero essere turbati dal penoso spettacolo di operai che trascinano i carrelli.
Per favore: basta.
Nessuno di noi può essere trattato come un ragazzetto con l’acne juvenilis e, come persone di media intelligenza, capiamo quasi tutto tra la prima e la seconda volta che le cose ci vengono dette, senza dovere ricorrere alla terza, alla quarta, alla quinta, alla sesta e alla settima.
Si dia la possibilità di aderire alle iniziative (o, eventualmente, di rifiutarle) in virtù di scelte maturate in autonoma coscienza e personale convincimento. Non si forzi nessuno a fare ciò che non vuole fare e che non ha nessun obbligo a fare.
Chi, con queste iniziative, ha in mente di “fare squadra”, di creare cioè identità attorno a valori condivisi, dovrebbe ricordarsi che, nelle squadre stressate, qualche volta ci si confonde sulla porta verso la quale indirizzare il pallone. Si chiamano autogol.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: Ma è proprio necessario tirarci via la pelle di dosso?

Login