CONSUNTIVO PREMI INCENTIVANTI 2003

CONSUNTIVO PREMI INCENTIVANTI 2003

In occasione del pagamento della retribuzione di aprile, comprensiva quest’anno anche degli incentivi 2003 (siano essi MBO individuali/di squadra, premi legati a specifici obiettivi individuali o bonus), la Direzione del Personale ha fornito alle OO.SS., a norma del contratto nazionale di lavoro, un breve quadro riassuntivo delle somme complessivamente erogate, nonché delle strutture e dei ruoli che ne hanno beneficiato.
Quest’incontro, che come sindacato avevamo richiesto prima della presentazione del “Sistema incentivante variabile 2004” è stato ritardato in quanto la Direzione – sulla base delle prime risultanze dei dati di budget che le pervenivano e di una serie di criticità ad essi connesse – ha attivato il previsto “comitato di crisi” non solo per andare a riesaminare i casi di contestazioni segnalate da singoli interessati ma anche per effettuare dei ricalcoli con criteri diversi su una serie di ruoli e realtà territoriali (ad es. Responsabili CEM, Specialisti Estero, Specialisti Derivati Regione N/E, Condirezioni di AN, BO e VR) allo scopo di poter ampliare la platea dei destinatari dei premi.
Questo sovraccarico di lavoro del “comitato di crisi” per risolvere le diverse situazioni critiche è, di fatto, una conferma indiretta che gli obiettivi fissati per il 2003 non sempre hanno tenuto conto delle situazioni dei mercati in difficoltà, dei portafogli “esauriti” o dei settori in crisi. Comunque quest’operazione, durata alcune settimane nel corso delle quali si sono sparse in categoria le voci più incredibili, ha permesso di far rientrare a budget e, quindi, nel numero finale degli incentivati, ulteriori 200 Colleghi/ghe appartenenti al comparto estero, in gran parte destinatari di premi di squadra, qualche decina di gestori e direttori di filiale, oltre a qualche altra figura.
Non è qui il caso di ricordare, ad esempio, le preoccupate segnalazioni che come S.A.S. FALCRI FIBA/CISL FISAC/CGIL UILC.A. avevamo fatto in corso d’anno rispetto alle concrete difficoltà lavorative dei Centri Estero Merci, anche ai fini del raggiungimento dei budget stabiliti (peraltro sempre smentite e/o sottovalutate dai R.O.R.):
prendiamo semplicemente atto che la Direzione, in presenza di un quadro di budget certo non roseo, almeno per quanto riguarda i C.E.M. (ma non solo!), ha inteso rivederne i dati in termini più estensivi, forse anche in considerazione delle necessità di migliorare il clima interno al settore, vista l’importanza che esso riveste ai fini degli obiettivi di budget 2004.
Quindi non sarà certo il sindacato ad ergersi a difesa dei meccanismi di un sistema incentivante che da tempo, invece, contesta in modo chiaro e netto, unitamente al metodo di costruzione degli obiettivi di budget:
certo è che anche dal punto di vista della trasparenza e del rispetto delle regole del gioco l’Azienda dimostra, ancora una volta, di aver ampi spazi di miglioramento

Nello specifico, i dati illustrati dai Responsabili aziendali relativamente al “Consuntivo del sistema incentivante 2003”, a fronte di una nostra anticipata richiesta di maggiori elementi informativi, sono stati più ridotti ed incompleti di quelli dello scorso anno (premi 2002), rendendo alquanto problematica qualsiasi tipo di valutazione.

Le erogazioni totali riguardanti tutte le categorie hanno comportato una spesa di circa 16,9 milioni di euro, non comprensivi degli oneri indiretti. Per quanto riguarda i destinatari (con esclusione dei dirigenti, di cui non ci sono stati forniti i dati), i premi hanno riguardato complessivamente 2.566 dipendenti, pari al 72% dei Colleghi e delle Colleghe appartenenti ai Quadri Direttivi ed alle Aree Professionali (QD3/QD4: 922, cioè l’82%; QD1/QD2: 469, cioè il 62%; A.P.: 1.175, cioè il 70%).
A questa cifra complessiva (che ricomprende la spesa per incentivi individuali, per premi di squadra e per speciali erogazioni) va aggiunta una quota di 926.000 euro relativa ai cosiddetti “zainetti”, cioè quella parte d’incentivo (prevista nel Regolamento ex Credito Italiano per i ruoli di gestore e specialista di prodotto) che verrà differita nel tempo (274 interessati).
Sul totale speso, i premi M.B.O. pesano per circa
15,45 milioni di euro, pari al 91% dell’ammontare complessivo. Invece gli importi dei bonus destinati al personale della Sede Centrale pesano per il 9% del totale (circa 1,47 milioni di euro).
Per quanto riguarda le strutture territoriali,
tutte le quattro Regioni Commerciali sono andate a budget. Fra le 12 Condirezioni, alla fine non sono andate a budget solo Ancona e Verona.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: CONSUNTIVO PREMI INCENTIVANTI 2003

Login