Approfondimento n. 1: Il ‘Premio Aziendale 2017’
Quaderni

Introduzione

Verso la fine degli anni ‘80 il mondo sindacale – ovviamente anche nel settore del credito – si trovò di fronte alla necessità di cercare forme di retribuzione collegate a variabili individuali ed aziendali (i sistemi incentivanti non era- no ancora comparsi): nel nostro settore il Premio di Rendimento non rispondeva più a tali esigenze ed i bonus di- screzionali erano sempre stati avversati dal sindacato.
Si introdusse così, con il CCNL Assicredito per Quadri, Impiegati, Commessi ed Ausiliari del 23.11.1990 e con l’omologo ACRI del 16.01.1991, il Premio di Produttività, un compenso che era sì “variabile” però collegato non alle performance individuali ma alla produttività complessiva del fattore lavoro.
Con il successivo contratto del 19.12.1994 (sia Assicredito che Acri) venne demandata alla C.I.A., con decorrenza non anteriore al 1° gennaio 1996, la definizione di un Premio Aziendale che fosse in linea con le indicazioni contenute nel Protocollo del 23 luglio 1993 (sulla politica dei redditi, l’occupazione e gli assetti contrattuali).
Il CCNL del ’94 previde che tale erogazione collettiva deve essere “in stretta correlazione ai risultati conseguiti nella realizzazione di programmi concordati tra le Parti, aventi come obiettivo incrementi di produttività del lavoro, di qualità ed altri elementi di competitività di cui le imprese dispongano, nonché ai risultati legati all’andamento economico dell’impresa”. In tal modo, nel rispetto del Protocollo generale del 1993, l’ABI e le OO.SS. hanno ampliato l’area di condivisione dei risultati, passando dal perseguimento del miglioramento della produttività del lavoro a quello di ulteriori obiettivi di competitività, redditività, efficienza e qualità.
Nei seguenti rinnovi contrattuali, le Parti integrarono ulteriormente la disciplina del Premio Aziendale. Così, con il contatto nazionale ABI dell’11.07.1999, in aggiunta a quanto già previsto, fu stabilito che le condizioni ed i criteri di erogazione di tale premio dovessero essere strettamente correlati “ad un migliore andamento dei risultati economici dell’impresa, tenendo anche conto degli apporti professionali”.
Rispetto alla concreta disciplina dei Premi Aziendali nelle varie realtà bancarie, le tendenze sviluppate a livello di contrattazione aziendale hanno visto realizzarsi nella maggioranza dei casi – come anche nel Gruppo UniCredit – intese ed accordi che hanno utilizzato “indicatori misti” (di produttività, di redditività e di efficienza), con la previsione di una variabilità dei premi rispetto ai risultati.
Nella contrattazione aziendale di tutti questi anni, in particolare nell’ultimo decennio, non sono mancate situazioni in cui, in presenza di risultati negativi da parte delle banche, non si è dato luogo ad alcun tipo di erogazione a favo- re del Personale: ciò è insito nella natura “variabile” del Premio Aziendale ed è peraltro esplicitamente previsto dal CCNL.
Nel nostro Gruppo – invece – anche negli anni in cui i risultati di bilancio non sono stati positivi, non è mai successo che sia venuto meno il riconoscimento annuale a favore del Personale, al di là della denominazione che allo stesso è stata attribuita (Premio Aziendale, di Produttività, Straordinario o Speciale).
A partire dal 2007, il Premio Aziendale in UniCredit è stato sempre concordato «a livello di Gruppo» (e non più di singola azienda). Inoltre, in considerazione del ridursi delle risorse economiche in materia, le Parti hanno via via ricercato soluzioni di riconoscimento che, a parità di onere per il datore di lavoro, potessero risultare più flessibili/interessanti per ciascun/a Collega (possibilità di opzione mista: cash e previdenza complementare nel 2007, 2008, 2009 e 2010; formula cash + contributo assistenza sanitaria + eventuale previdenza complementare nel 2011), arrivando, nel 2012, ad unificare la cifra in misura uguale per tutti ed a prevederne la destinazione prioritaria a “Conto Welfare”, ferma restando, in capo al singolo/a, la possibilità di scelta per un riconoscimento monetario alternativo.
Va peraltro tenuto conto che tale orientamento negoziale è stato praticato dalle Parti anche in tante altre Aziende e Gruppi, e non solo del settore creditizio, per il fatto che – in uno scenario nel quale non solo si riducono gli spazi di contrattazione articolata ma diminuiscono anche le risorse destinate al welfare – è quasi un decennio che si susseguono provvedimenti legislativi temporanei per incentivare, con specifiche detassazioni e/o decontribuzioni, il cosiddetto “salario di produttività”. Tali provvedimenti, resi finalmente strutturali negli ultimi anni, tendono a privilegiare fiscalmente le destinazioni economiche verso forme di “welfare aziendale”, prevedendo anche forme di decontribuzione (a vantaggio soprattutto delle aziende).

La Segreteria FISAC-CGIL di Gruppo

************

Uno sguardo alla struttura del Verbale di Accordo 1.02.2018 sul Premio Una Tantum di Produttività – Esercizio 2017:

Il Verbale di Accordo sul Premio Una Tantum di Produttività – Esercizio 2017, concordato a Milano l’1 febbraio 2018 fra “UniCredit e le Aziende del Gruppo” e le “Delegazioni di Gruppo delle OO. SS. FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA e UNISIN”, si compone delle premesse, di otto articoli, di un allegato e di una lettera allegata.

LE PREMESSE
Le premesse di un Verbale d’accordo sindacale sono sempre importanti perché servono a meglio inquadrarne i termini, richiamando le motivazioni delle Parti, il loro percorso negoziale e, soprattutto, i principi che ne stanno alla base e che vengono poi sviluppati nei diversi articoli, assieme ai contenuti.
Nelle premesse del Verbale d’Accordo troviamo:
► il richiamo all’Accordo 1.02.2018 sul Piano Giovani e sul percorso di completamento degli impegni connessi al Piano 2019;
► la puntualizzazione che le Parti hanno considerato valore condiviso il riconoscimento del Premio di Produttività al Personale appartenente alle Aree Professionali e ai Quadri Direttivi quale segno tangibile del contributo profuso al rilancio della produttività/redditività in un esercizio – il 2017 – fortemente caratterizzato dalle trasformazioni organizzative conseguenti all’attuazione del Piano 2019;
► la sottolineatura delle Parti sul fatto che, con tale Verbale – anche alla luce degli equilibri economi- ci del Gruppo nel perimetro Italia definiti con le varie Intese relative all’attuazione del Piano 2019 – esse hanno inteso dare attuazione alle previsioni del CCNL ABI 31.03.2015 ed agli impegni condivisi nel tempo nel Gruppo medesimo;
la sottolineatura che nel Gruppo opera ormai da cinque anni la Commissione Bilaterale Welfare, la quale da tempo ha approfondito e contribuito a realizzare importanti fasi di riforma del welfare di secondo livello applicato nel perimetro italiano del Gruppo UniCredit;
► la precisazione che il Verbale verrà depositato presso la D.T.L. competente al fine di poter beneficiare delle disposizioni in tema di misure fiscali agevolative per le erogazioni di natura premiale nonché per lo sviluppo del welfare di secondo livello previste dall’art.1, commi 182-190, della Legge 28.12.2015, n.208
(Legge di Stabilità 2016) e successive modificazioni e integrazioni.

GLI OTTO ARTICOLI E L’ALLEGATO
Considerando che, da pag. 5 a pag.10 del presente opuscolo, i contenuti degli articoli e dell’allegato che compongono il Verbale di Accordo vengono analizzati, punto per punto, ci limitiamo in questa sede a riportare l’indice ragionato degli otto articoli e dell’allegato (numero dell’articolo, suo titolo o testo, relativa pagina del verbale di accordo; contenuto dell’allegato, relativa pagina del verbale di accordo).

vedi tabella

LA LETTERA ALLEGATA
La lettera di UniCredit allegata al Verbale, datata sempre 1 febbraio 2018 e consegnata in pari data alle Delegazioni di Gruppo delle OO.SS. FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA e UNISIN, ha come oggetto: «Liberalità aziendali».
In essa UniCredit – alla luce delle misure fiscali introdotte in materia di welfare aziendale dalla Legge di Stabilità 2016 che non rendono più possibile la scelta opzionale in capo ai singoli Lavoratori/trici rispetto alle cosiddette “liberalità aziendali” – chiarisce che, nell’anno 2018, le stesse saranno così riconosciute:
=> il
CONTRIBUTO FIGLI 4-12 ANNI, sarà conferito automaticamente ed esclusivamente a “Conto Welfare”;
=> la
STRENNA NATALIZIA, sarà automaticamente ed esclusivamente conferita a “Conto Welfare”;
=> il
CONTRIBUTO FAMILIARE DISABILE sarà automaticamente ed esclusivamente liquidato con importo monetario nel cedolino stipendio (N.d.R. quindi, soggetto a contribuzione previdenziale AGO INPS, a carico sia del datore di lavoro che del/della Collega, nonché a trattenuta fiscale ordinaria IRPEF e delle relative addizionali regionale e comunale);

NOTA BENE: queste tipologie di “riconoscimenti fissi” sono state stabilite tenendo conto del maggior utilizzo statistico riscontrato negli ultimi anni da parte dei Colleghi/e destinatari/rie di tali liberalità.

I contenuti degli 8 articoli del Verbale d’Accordo 1.02.2018 sul Premio di Produttività 2017

Le premesse (art.1)
Le premesse formano parte integrante del Verbale di Accordo 1.02.2018 sul Premio Una Tantum di Produttività 2017 (N.d.R. tali premesse sono richiamate a pag. 3 del presente opuscolo).

Il perimetro complessivo dei destinatari/rie del Premio (art.2, comma 1)
Le Parti, con il Verbale d’Accordo 1.02.2018, hanno concordato di definire le condizioni e le modalità applicative di attribuzione al Personale del Premio di Produttività 2017, quale strumento atto anche a favorire il rilancio del Gruppo considerando l’impegno profuso nel processo di trasformazione del Gruppo dal Personale nel corso dell’esercizio 2017, destinato a tutti i Lavoratori/trici del Gruppo UniCredit – perimetro Italia, dipendenti da Aziende del Gruppo applicanti il CCNL ABI 31 marzo 2015 (secondo l’elenco riportato nell’Allegato a pag.10).

I presupposti per il riconoscimento del Premio (art.2, comma 2)
Le Parti – in considerazione dei risultati relativi all’esercizio 2017 del perimetro Italia del Gruppo UniCredit – considerano ricorrere i presupposti per il riconoscimento del Premio di Produttività 2017 in presenza di positività nella maggioranza degli indicatori (elaborati a partire dai relativi bilanci di esercizio) concernenti i risultati commerciali di periodo di cui all’elenco:
-
Risultato di gestione 2017 vs 2016;
-
Risultato netto di gestione 2017 vs 2016;
- Crediti commerciali verso la clientela 2017 vs 2016;
- Commissioni nette 2017 vs 2016.

L’ammontare del Premio, quale accredito a favore del Personale appartenente alle categorie delle Aree Professionali e dei Quadri Direttivi (art. 3)
Ricorrendo i presupposti di cui all’art.2 del Verbale d’Accordo,
le Parti concordano che verrà riconosciuto un Premio Una Tantum di Produttività 2017 mediante l’accredito di un importo unico di € 800,00 lordi a tutto il Personale appartenente alle categorie delle Aree Professionali e dei Quadri Direttivi. (N.d.R. la forma di riconoscimento di tale importo potrà essere normalmente decisa dal diretto interessato/a, scegliendo fra la possibilità di un accredito sul proprio “Conto Welfare” o del pagamento monetario, con accredito in busta-paga).

L’incontro di verifica fra le Parti dopo la pubblicazione dei dati di Bilancio 2017 del Gruppo UniCredit (Chiarimento a Verbale riferito all’art. 3)
Con il Chiarimento a Verbale riferito all’art. 3, le Parti si danno atto della necessità di un incontro di verifica successivamente alla pubblicazione del Bilancio del Gruppo UniCredit relativo all’anno 2017, al fine di valutare la conformità dell’andamento degli indica- tori con le disposizioni normative richiamate nelle premesse.

Le caratteristiche del Premio (art.4)
Il Premio di Produttività 2017 – ricorrendone le condizioni di cui all’art. 2 del Verbale ed i presupposti soggettivi – sarà riconosciuto al Personale appartenente alle categorie delle Aree Professionali e dei Quadri Direttivi con le competenze del mese di giugno 2018.

(N.d.R. sulla base dell’opzione individuale di destinazione che ciascun interessato/a – con reddito imponibile fiscale da lavoro dipendente nell’anno 2017 non superiore ad € 80.000 – farà, tale Premio sarà però reso disponibile:
► a partire dall’1.07.2018, in caso di accredito al proprio “Conto Welfare”;
► dal 27.06.2018, in caso di opzione per l’importo monetario, nell’ambito dell’accredito sul proprio C/C della retribuzione di giugno 2018).

Per verificare l’importo spettante – a tale titolo – a ciascun interessato/a si deve fare riferimento alla situazione lavorativa (tempo pieno o part-time) alla data del 31 dicembre 2017 (in caso di cessazione dal servizio antecedente al 31.12.2017, invece, si deve fare riferimen- to alla situazione lavorativa presente a tale data).
Il Premio di Produttività 2017 non verrà computato nel Trattamento di Fine Rapporto e nel- l’imponibile previdenziale ai fini dei versamenti contributivi ai Fondi di previdenza complementare.
Nel caso di inizio del rapporto di lavoro nel corso del 2017, il Premio di Produttività competerà in proporzione ai mesi di servizio prestati in tale anno, considerando come mese intero l’eventuale frazione.

Per il Personale a tempo parziale, il Premio di Produttività sarà proporzionato alla durata dell’o- rario di lavoro osservato.

In tutti i casi di assenza dal servizio nel corso del 2017, il Premio di Produttività (sulla base di quanto previsto dall’art.48, commi 9 e 10, del CCNL ABI 31 marzo 2015), sarà ridotto di 1/12 per ogni mese intero di assenza, salvo che non si tratti di “assenze retribuite” per le quali:
=> non si applicherà nessuna riduzione se trattasi di assenze per ferie;
=> non saranno considerate eventuali assenze connesse alla fruizione di permessi orari in base alle norme di legge vigenti da parte di dipendenti in allattamento o da Lavo- ratori/Lavoratrici disabili in situazioni di gravità o che assistano coniuge, figli o geni- tori disabile/i in situazioni di gravità;
=> negli altri casi non si applicheranno riduzioni se la somma delle varie assenze non supera i tre mesi;
=> nei casi di assenze superiori, non si applicherà alcuna riduzione per i primi tre mesi di assenze;
=> nei casi di assenze per l’intero anno 2017, il Premio di Produttività 2017 non sarà erogato.

Nel caso di congedo per maternità/paternità non si applicherà alcuna riduzione per tutto il periodo di congedo previsto dalla legge (5 mesi per il parto, 3 mesi per l’adozione).

Il Premio con «Erogazione Speciale Welfare 2017» in caso di scelta di destinazione a “Conto Welfare” (art.5)
A favore dei dipendenti destinatari/rie del Premio di Produttività 2017 secondo le previsioni di cui agli artt. 4 e 6 del Verbale d’Accordo e con un reddito imponibile fiscale da lavoro dipendente nell’anno 2017 non superiore ad € 80.000 che opteranno per la destina- zione integrale dello stesso a “Conto Welfare”, l’Azienda corrisponderà, sempre a “Conto Welfare”, un ulteriore specifico importo di € 350,00 (importo unico per tutti livelli di inquadramento delle Aree Professionali/Quadri Direttivi), denominato «Erogazione Speciale Welfare 2017» e riportato nel bollettino stipendio del mese di giugno 2018. Per tale voce, valgono gli stessi criteri di imputabilità, computo, attribuzione, esclusione, riduzione e riproporzionamento che sono previsti per il Premio di Produttività 2017.

NOTA BENE: L’apposito applicativo per la scelta individuale della tipologia di rico- noscimento del Premio sarà reso operativo sul Portale di Gruppo a partire dal 12 marzo 2018 e vi resterà disponibile fino al 13 aprile 2018 (HR Gate Italia > Welfare & Benefit > Piano Welfare, Fai le tue scelte). In assenza di scelta esplicita da parte del singolo/a dipendente, l’im- porto del Premio di Produttività 2017 verrà conferito a “Conto Welfare (€ 800 + € 350).

NOTA BENE: Nell’Appendice n.1, a pag.11, abbiamo predisposto un confronto fra l’opzione del Premio Aziendale 2017 a: “Conto Welfare” e quella a: “Importo monetario”.

Come per il passato, la disponibilità delle due quote (€ 800 + € 350) cumulativamente destinate a “Conto Welfare” decorrerà a partire dal 1° luglio 2018 ed il relativo utilizzo sarà effettuabile solo fino a novembre 2018 (in relazione alle necessarie operazioni di chiusura del Conto medesimo in riferimento a detto anno); l’eventuale residuo non utilizzato a detta data (novembre 2018) verrà esclusivamente accreditato nella posizione a capitalizzazione individuale presso il Fondo Pensione del Lavoratore/trice interessato (se attiva a quel momento ed atta a recepire tali versamenti).

I criteri di esclusione dal Premio (art.6)
Il Premio di Produttività 2017 verrà riconosciuto al Personale con contratto a tempo indeterminato nonché al Personale con contratto di apprendistato, secondo le previsioni di cui all’art.4 del Verbale – appartenente alle categorie delle Aree Professionali e dei Quadri Direttivi in servizio alla data di erogazione.
Tale Premio
non sarà riconosciuto al Personale che, nel corso dell’anno 2017:
=> non abbia superato il periodo di prova
(N.d.R. art.4 del Verbale);
=> abbia conseguito un giudizio professionale di sintesi negativo (inadeguato) (N.d.R. art.4 del Verbale);
=> abbia risolto il rapporto di lavoro per “giusta causa” o “giustificato motivo soggettivo”;
=> sia cessato per dimissioni volontarie senza maturare il diritto al trattamento pensionistico INPS.

Inoltre
non saranno destinatari del Premio di Produttività 2017 (oltre agli eventuali somministrati temporanei che abbiano svolto la loro attività in Aziende del Gruppo nel corso del 2017):
i Lavoratori/trici che maturano il requisito pensionistico entro gennaio 2019 non aderenti ai piani di esodo di cui al Protocollo 18 ottobre 2010, all’Accordo 15 Settembre 2012 e all’Accordo 28 giugno 2014, 5 febbraio 2016, 4 febbraio 2017;
i Lavoratori/trici aderenti ai piani d’incentivazione all’esodo previsti dal Protocollo 18 ottobre 2010 e che si stanno avvalendo delle prestazioni del Fondo di Solidarietà di settore in base ai Verbali del 1° dicembre 2011 e del 3 aprile 2013;
i Lavoratori/trici aderenti ai piani di incentivazione all’esodo previsti dal Protocollo 18 ottobre 2010, dall’Accordo 15 settembre 2012, dall’Accordo 28 giugno 2014 e dall’Accordo 5 febbraio 2016, 4 febbraio 2017, la cui cessazione non sia stata perfezionata con la convalida delle dimissioni – ove prevista – oltre che con la sottoscrizione del Verbale di Conciliazione;
i/le dipendenti cessati/cessandi ai sensi delle procedure di cui alla Legge n.223/1991 di cui agli Accordi 22 novembre 2012 e 24 novembre 2014;
i/le dipendenti nati tra il 1° gennaio 1960 ed il 31 dicembre 1965 (compresi) che non abbiano ancora completato la presentazione entro la data del 30 aprile 2016 della documentazione previdenziale prevista ai sensi dei Verbali 29 maggio 2015 e 30 settembre 2015 (Ecocert e Questionario Previdenziale); per le specificità relative al Personale inquadrato nella sezione INPS – GdP (Gestione Dipendenti Pubblici – ex INPDAP), l’esclusione dal Premio in parola consegue alla mancata fornitura del solo Questionario Previdenziale;
/le dipendenti che all’atto dell’erogazione del Premio di Produttività 2017 abbiano la qualifica di Dirigente.

I destinatari/rie dello specifico «importo monetario» (Norme transitorie a margine dell’art.6)
A favore dei/lle dipendenti destinatari/rie del Premio di Produttività 2017 non più in servizio alla data dell’accredito dello stesso al Conto Welfare (ferme le condizioni e i presupposti soggettivi per l’erogazione e gli eventuali fattori di computo e riproporziona mento, fatte salve le esclusioni previste dall’art. 6 dell’Accordo) si procederà, stante l’impossibilità di utilizzo del “Conto Welfare”, all’accredito di uno specifico «importo monetario» Una Tantum di € 800 lordi.
Anche a favore del Personale assunto a tempo determinato (anche se non più presente in servizio alla data di erogazione del Premio 2017), in relazione ai mesi di servizio prestato nel corso del 2017, si procederà all’accredito dello specifico «importo monetario» Una Tan- tum di 800 € lordi (ferme le condizioni e i requisiti soggettivi per la sua erogazione e gli even- tuali fattori di computo e riproporzionamento).

NOTA BENE: ai/alle dipendenti con in corso pignoramenti o finanziamenti tramite la cessione del quinto, l'importo riconosciuto quale Premio di Produttività 2017 potrà essere riconosciuto unicamente in forma monetaria, con accredito nella busta-paga
(N.d.R. previsione contenuta nell’ultimo comma dell’art.7 del Verbale).

Il Premio relativo ai Lavoratori/trici con reddito imponibile fiscale da lavoro dipendente nell’anno 2017 superiore ad € 80.000 (Dichiarazione aziendale a margine dell’art.6)
Per quanto riguarda i dipendenti destinatari/rie del Verbale d’Accordo con un reddito imponibile fiscale da lavoro dipendente nell’anno 2017 superiore ad € 80.000 il riconoscimento dell’importo Una Tantum previsto a titolo di Premio di Produttività 2017 avverrà secondo modalità che verranno loro comunicate in via unilaterale dall’Azienda (N.d.R. a tali Colleghi/e sarà inviata un’apposita e-mail per spiegare come aderire o meno al pacchetto di conto welfare prestabilito dall’azienda per fasce di banding e presenza di figli nel nucleo familiare; in caso di mancata scelta entro il 5.03.2018, l’Azienda procederà all’accredito monetario degli 800 € lordi nel cedolino di giugno 2018).

L’eventuale importo derivante dal sistema premiante/ incentivante in erogazione nel corso del 2018 (art.7)
La facoltà individuale se destinare al proprio “Conto Welfare” ovvero ricevere in forma monetaria le somme percepite a titolo di Premio di Produttività 2017 viene at- tribuita anche ai/alle dipendenti cui verrà riconosciuto il sistema premiante/incentivante in erogazione nel corso del 2018; tale facoltà di scelta potrà essere effettuata mediante gli appositi applicativi aziendali che saranno resi disponibili sul Portale di Gruppo nel periodo 12 marzo 2018 - 13 aprile 2018.
Pertanto, ai/alle dipendenti con reddito imponibile fiscale da lavoro dipendente nell'anno 2017 non superiore a € 80.000 verrà abilitata la possibilità di scegliere – sino ad un massimo totale di € 3.000 – se destinare al proprio “Conto Welfare” ovvero ricevere in forma monetaria le somme percepite quale Premio di Produttività 2017 e/o eventuale sistema premiante/incentivante.
Non rientrano nel computo degli € 3.000 oggetto della Legge di Stabilità le erogazioni riferite a liberalità di natura diversa da Premio di Produttività 2017/sistema premiante e/o incentivante: quindi non rientrano in tale tetto il 3° rateo della Speciale Elargizione (ex Premio 25°), la Strenna natalizia ed il Contributo figli 4-12 anni.

In assenza di scelta esplicita da parte del/la dipendente (effettuata mediante l’applicativo messo a disposizione sul Portale di Gruppo):
=> l’importo del Premio Una Tantum di Produttività – Esercizio 2017 verrà conferito a “Conto Welfare”;
=> l’eventuale importo derivante dal sistema premiante/incentivante 2018 sarà e- rogato in forma monetaria.

NOTA BENE: i versamenti di contributi alla previdenza complementare e/o all’assistenza sanitaria integrativa presso Uni.C.A., con utilizzo delle disponibilità in “Conto Welfare” derivanti da Premio di Produttività 2017 e/o eventuale sistema premiante/incentivante, non rientrano nei limiti ordinari annuali ai fini della detassazione (rispettivamente di € 5.164,57 ed € 3.615,20), in quanto gli importi legati a tali voci non concorrono ai fini della determinazione dei massimali previsti dalla normativa fiscale ancorché vengano essi stessi detassati.

Ovviamente, anche per l’importo riconosciuto a titolo di sistema premiante/incentivante, la quota destinata al proprio “Conto Welfare” sarà disponibile e ne sarà possibile la fruizione sino a novembre 2018 (in relazione alle necessarie operazioni di chiusura del Conto medesimo in riferimento a detto anno); l’eventuale residuo non utilizzato a detta data (novembre 2018) verrà esclusivamente accreditato nella posizione a capitalizzazione individuale presso il Fondo Pensione del Lavoratore/trice interessato (se attiva a quel momento ed atta a recepire tali versamenti).

Al pari del Premio di Produttività 2017, anche l’eventuale sistema premiante/incentivante non verrà computato nel Trattamento di Fine Rapporto.

Ai Lavoratori/Lavoratrici con reddito imponibile fiscale da lavoro dipendente nell'anno 2017 superiore a € 80.000, non verrà abilitata la possibilità di scegliere l'importo da destinare a “Conto Welfare” secondo le previsioni del presente Accordo: pertanto l’eventuale importo riconosciuto a detti Lavoratori/Lavoratrici (a titolo di Premio di Produttività 2017 – sino a Q.D.4 – e/o a titolo di sistema premiante/incentivante) sarà accreditato nei limiti e nelle modalità scelte unilateralmente dall’azienda e rese note con apposita e-mail aziendale inviata agli interessati/e.

I/Le dipendenti con contratto a tempo determinato e i/le dipendenti espatriati non rientrano nel perimetro di applicazione del Piano Welfare: come tali potranno essere destinatari soltanto di eventuali erogazioni monetarie.
Per i dipendenti con in corso pignoramenti o finanziamenti tramite la cessione del quinto, l'importo riconosciuto quale Premio di Produttività 2017 e/o sistema premiante/incen- tivante potrà essere riconosciuto unicamente in forma monetaria nella busta-paga.

Il deposito del Verbale d’Accordo ai fini del beneficio delle disposizioni in tema di agevolazioni fiscali (art.8)
Il Verbale d’Accordo 1.02.2018 sul Premio Una Tantum di Produttività 2017 verrà depositato presso la D.T.L. competente al fine di poter beneficiare delle disposizioni in tema di misure fiscali agevolative per le erogazioni di natura premiale nonché per lo sviluppo del welfare di secondo livello previste dall’articolo 1, commi 182-190, Legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di Stabilità 2016) e successive modificazioni, e dal Decreto ministeriale del 25 marzo 2016.

Allegato di cui all’art.2 del Verbale d’Accordo 1.02.2018
Aziende del Gruppo UniCredit – perimetro Italia, i/le cui dipendenti sono destinatari/rie del Premio Una Tantum di Produttività 2017

UniCredit S.p.A.
UniCredit Factoring S.p.A.
UBIS S.c.p.A. Italy
Cordusio
(Fiduciaria e Sim)
Fineco Bank S.p.A.
UniCredit Bank AG – Filiale Italia
UniCredit Leasing S.p.A.

Schema riepilogativo: in allegato

Appendice n.1:

Confronto fra l’opzione del Premio Aziendale 2017 a: “Conto Welfare” e quella a:“Importo monetario”

Il Premio Una Tantum di Produttività – Esercizio 2017, riconosciuto in misura unica ai Lavoratori/trici di tutti i livelli di inquadramento delle Aree Professionali e dei Quadri Direttivi ap- partenenti alle Aziende del Gruppo UniCredit – perimetro Italia, potrà essere corrisposto agli/ alle aventi diritto (coloro che nell’anno 2017 abbiano avuto un imponibile fiscale da lavoro di- pendente non superiore ad €
80.000) in due modalità distinte, sulla base di quanto effetti- vamente scelto da ciascun interessato/a:
➊ come riconoscimento una tantum di un importo di € 1.150 (pari alla somma di € 800 +
€ 350) per ciascun/a dipendente a tempo pieno (cifre riproporzionate per i part-time, in rela- zione al proprio orario di lavoro), da accreditarsi al “Conto Welfare” con le competenze del mese di giugno 2018, risultando però disponibile a partire dal 1° luglio 2018; al riguardo, riportiamo nella TAB. A) quanto previsto sia per il Personale a tempo pieno che per quello a part- time, secondo gli orari settimanali prevalenti.

... prosegue in allegato