Congedi e permessi per genitori

four boy playing ball on green grass

Congedi e permessi per genitori

1. Congedi per genitori e bonus baby-sitting

Con l’entrata in vigore del Decreto Legge n. 30 del 13-03-2021 è stata reintrodotta nelle aree del territorio nazionale, indipendentemente dal livello di rischio di contagio, la possibilità di usufruire di un congedo straordinario per il genitore lavoratore dipendente di figlio convivente minore di 16 anni, alternativamente all’altro genitore, in caso di sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio, dell’infezione da SARS Covid- 19 del figlio, della quarantena del figlio, nella sola ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile da parte di uno dei genitori.

Lo scopo di questa nota è fornire alcune prime indicazioni. Attendiamo pubblicazione della Circolare INPS di dettaglio e di approfondimento e, successivamente, nel caso fosse necessario, provvederemo ad aggiornare la nota.

a) CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO AL 50%

E’ riconosciuta la facoltà ai genitori lavoratori dipendenti di astenersi dal lavoro per parte o per l’intera durata della sospensione dell’attività didattica in presenza per figli conviventi minori di 14 anni.

  • In seguito alla sospensione dell’attività didattica in presenza o infezione sars covid-19 del/la figlio/a o di quarantena disposta dal Dipartimento di Prevenzione dell’ASL a seguito di contatto ovunque avvenuto;
  • nella sola ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile da parte di uno dei genitori
  • alternativamente ad entrambi i genitori;

Il beneficio è riconosciuto anche ai genitori di figli con disabilità in situazione di gravità accertata ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, iscritti a scuole di ogni ordine e grado per le quali sia stata disposta la sospensione dell’attività didattica in presenza o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale per i quali sia stata disposta la chiusura.

In questo caso è prevista un’indennità pari al 50% della retribuzione, e il riconoscimento di contribuzione figurativa.

Eventuali periodi di congedo parentale usufruiti dal 1° gennaio 2021 fino all’entrata in vigore del DL n. 30 del 13-03-2021 possono essere convertiti in tutto o in parte in periodi di congedo straordinario retribuito al 50%.

Dal punto di vista operativo:
Il/la Collega interessato/a deve preventivamente provvedere alla domanda telematica di congedo all’INPS ed

inoltrarne copia a Time Management > Maternità e malattia bambino. Il codice assenza da utilizzare è HQF

b) CONGEDO STRAORDINARIO NON RETRIBUITO

E’ riconosciuta la facoltà ai genitori lavoratori dipendenti di astenersi dal lavoro per parte o per l’intera durata della sospensione dell’attività didattica in presenza per figli conviventi tra i 14 anni e i 16 anni.

  • In seguito alla sospensione dell’attività didattica in presenza o infezione sars covid-19 del/la figlio/a o di quarantena disposta dal Dipartimento di Prevenzione dell’ASL a seguito di contatto ovunque avvenuto;
  • nella sola ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile da parte di uno dei genitori;
  • alternativamente ad entrambi i genitori;

In questo caso non è prevista alcuna retribuzione o indennità, né riconoscimento di contribuzione figurativa.

Vige il divieto di licenziamento e il diritto alla conservazione del posto di lavoro. Dal punto di vista operativo:

Il/la Collega interessato/a deve chiedere con HR Web Ticket l’inserimento del codice. Il codice assenza da utilizzare è ASV

c) BONUS BABY-SITTING

Non riguarda lavoratori dipendenti del nostro settore.

E’ prevista la corresponsione di uno o più bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali solo per i lavoratori iscritti alla gestione separata INPS, i lavoratori autonomi, il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, i lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alla categoria dei medici, degli infermieri, dei tecnici di laboratorio biomedico, dei tecnici di radiologia medica e degli operatori socio-sanitari, per i figli conviventi minori di a

Tutti i benefici descritti si applicano fino al 30 giugno 2021 e hanno un limite di spesa per il 2021. Al superamento dei suddetti limiti l’INPS procede al rigetto delle domande presentate.

2. Banca del tempo

Per venire incontro alle esigenze genitoriali, grazie al rinnovato Accordo Sindacale del 24-02-2021, sono messi a disposizione di colleghe/i con figli di età da 0 a 14 anni

DUE GIORNI di permessi retribuiti
PER CIASCUN FIGLIO
e per nucleo familiare.

Si può usufruire delle due giornate fino al 30 settembre 2021, a ore o a giornata intera, con un preavviso di almeno 5 gg lavorativi.
Tale possibilità è fruibile dai genitori che abbiano completato la fruizione delle ferie residue degli anni precedenti ed abbiano anche solo programmato tutte le ferie del 2021 e/o i residui di “banca delle ore”. In ogni caso devono essere esaurite le dotazioni personali spettanti a qualsiasi titolo (ad esempio permessi previsti per figli minori e/o per la legge 104/92 – in questo caso per il mese di ottobre – e/o permessi DSA).

Rispetto al precedente accordo, a seguito di numerose richieste, l’Azienda ha chiarito che questa volta i due giorni di Banca del Tempo si intendono per nucleo familiare e per figlio. Quindi solo per fare un esempio, nel caso di genitori con 2 figli, spettano 4 giornate di permesso retribuito, utilizzabili da uno dei due genitori.

Il codice di assenza da inserire in People Focus è PBG (gruppo assenze Welfare – Work Life Balance).

3. Permessi per figli con DSA

Per l’assistenza ai figli con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), grazie ad un Accordo sindacale sottoscritto nel 2018, sono stati implementati e previsti ulteriori permessi specifici per i genitori usufruibili a giornate intere o a ore, come di seguito indicato:

Per figlia/o frequentante la scuola elementare

  • 2 giorni retribuiti
  • 3 giorni non retribuiti

Per figlia/o frequentante scuola media inferiore

  • 5 giorni non retribuiti

Si possono utilizzare solo durante il periodo scolastico e con 5 giorni di preavviso.

Percorso per accedere ai permessi in people focus:
Assenze – Assistenza Figli
Codice PDS per i 2 giorni retribuiti
Codice ADS per i 3 o 5 giorni (a seconda della casistica) per i non retribuiti.

4. Malattia dei figli

In caso di malattia dei figli sono previsti:

– per i figli di età non superiore a 3 anni, permessi non retribuiti senza limiti di durata, dietro presentazione di certificato medico e autocertificazione che l’altro genitore non stia usufruendo del medesimo permesso negli stessi giorni;

– per i figli con età compresa tra i 3 e gli 8 anni, 5 giorni annui di permesso non retribuito (previsti per legge) ai quali, in Unicredit per accordo sindacale, si aggiungono 10 giorni annui (periodo unico per nucleo familiare in caso di genitori entrambi dipendenti). I 10 giorni aggiuntivi diventano 15 giorni in caso di più figli. La documentazione da presentare è la stessa del punto precedente;

– per i figli di età oltre gli 8 anni e fino ai 12 anni (grazie ad accordo sindacale) 10 giorni di permesso non retribuito per nucleo familiare, usufruibili dopo aver esaurito le dotazioni personali di ferie, ex festività e altri permessi spettanti anno per anno.

16-03-2021
La Segreteria Fisac CGIL del Gruppo Unicredit

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: Congedi e permessi per genitori

Login