Focalizzazione su ‘alcuni specifici aspetti fiscali e previdenziali legati al Conto Welfare nel 2016’

Focalizzazione su ‘alcuni specifici aspetti fiscali e previdenziali legati al Conto Welfare nel 2016’

Come certamente saprete entro venerdì 20 maggio 2016 è possibile effettuare, tramite l’apposito applicativo presente sul Portale Intranet di Gruppo (Strumenti Operativi > Strumenti & Applicazioni > Strumenti Personali > HR Gate Italia > Welfare & Benefit > Piano Welfare > FAI LE TUE SCELTE), le proprie scelte relativamente all’utilizzo:

* del Premio Una Tantum di Produttività 2015;

* della Speciale elargizione a Welfare (ex venticinquesimo).

In assenza di scelte esplicite da parte dell’interessato/a, gli importi verranno versati nel “Conto Welfare” individuale.

E’ importante sottolineare, al riguardo, che nel corso del 2016 il “Conto Welfare” potrebbe essere alimentato:

da 2 Premi di Produttività:

o per l’Anno 2014, € 1.140 accreditati a gennaio 2016;
o per l’Anno 2015, € 1.000 accreditabili a luglio 2016.

dalla Speciale elargizione a Welfare:

o In cifra unica > luglio 2016;
o In 3 tranche > luglio 2016/ gennaio 2017/ gennaio 2018 (soluzione di default);
N.B. il versamento in 3 tranche è possibile anche con formula: gen.2017/ gen.2018/ gen.2019.

da altre possibili causali:

Contributi familiari disabili;
Strenna natalizia;
Contributo figli 4-12 anni;
Sistema premiante.

Ricordiamo che le disponibilità in “Conto Welfare” non utilizzate entro il 25 novembre 2016 non potranno essere reintegrate in busta-paga ma verranno accreditate sulla propria posizione previdenziale a capitalizzazione individuale presso il Fondo Pensione complementare al quale si è iscritti/e.

A tal proposito, va rammentato che
i contributi mensili (e una-tantum) versati a Previdenza Complementare sono esenti da imposizione fiscale fino a un massimo di € 5.164,57 per anno solare.

A questo ammontare concorrono tutti i contributi versati dal Lavoratore/trice e dall’Azienda sulle posizioni a capitalizzazione individuale (quindi, per gli Iscritti/e alla Sez.I del Fondo Pensione di Gruppo, a capitalizzazione collettiva, il contributo aziendale non fa cumulo).

La quota contributiva derivante dall’accantonamento del T.F.R., ancorché destinata a Previdenza Complementare, non viene considerata.

L’importo progressivamente versato (dal Lavoratore/trice e dal Datore di lavoro) nel corso dell’anno è facilmente rilevabile nella sezione “DATI STATISTICI” del proprio bollettino stipendio, al riquadro “ON. DED. F.DO. PENS.”.

Vi invitiamo, pertanto, a tenere ben presenti questi aspetti nel momento in cui andrete ad operare le Vostre scelte rispetto ai riconoscimenti economici di quest’anno.

Milano, 6 maggio 2016

LA SEGRETERIA DI GRUPPO FISAC/CGIL

in allegato il documento di approfondimento completo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: Focalizzazione su ‘alcuni specifici aspetti fiscali e previdenziali legati al Conto Welfare nel 2016’

Login