E’ necessario uno sforzo straordinario

E’ necessario uno sforzo straordinario

E’ necessario uno sforzo straordinario

Siamo pienamente consapevoli della pesante condizione nella quale si trovano ad operare i colleghi e le colleghe in Azienda.
Le consistenti uscite del primo gennaio hanno ulteriormente aggravato la situazione.
I problemi organizzativi, registrati all’avvio della nuova società, anziché trovare adeguate soluzioni stanno peggiorando.
Le pressioni commerciali, se mai si sono attenuate, si stanno nuovamente intensificando.
Si assiste ad una gestione del personale approssimativa e scarsamente attenta alle esigenze delle persone. E’ venuta a mancare la prospettiva di sviluppo e progressione professionale. Le strutture di supporto alla rete di Direzione Centrale e Direzione Esecutiva non sono pienamente operative. Sono state create nuove figure prive di contenuti professionali codificati. La transizione dal “vecchio” al “nuovo” crea solo confusione.
Le incombenze delle agenzie, sia esecutive, sia commerciali sono aumentate, con meno personale per affrontarle.
In sede locale gli interlocutori individuati non sono in grado, oppure non dispongono di deleghe atte a fornire risposte adeguate a nessuno dei problemi che solleviamo.
In queste contesto le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori e delle lavoratrici stanno drasticamente peggiorando.
Si respira un preoccupante clima di disgregazione.

A livello di gruppo stiamo affrontando le tematiche rivenienti dall’applicazione dell’accordo del 18 ottobre, ma stentano a trovare adeguato spazio i problemi sopra individuati, è quindi indispensabile conquistare momenti di interlocuzione dedicati esclusivamente al “Bancone”, sia in questa fase straordinaria, sia stabilmente.

Per fare questo, ed arrivarci con la forza necessaria, è indispensabile un’azione coordinata tra le Rappresentanze Sindacali Aziendali, i Coordinamenti Territoriali e l’attività centrale.
Vi chiediamo, pertanto, uno sforzo unitario straordinario di stretto rapporto con i Lavoratori e Lavoratrici, individuazione dei problemi, denuncia degli stessi, richieste di incontro con le controparti locali, informando contemporaneamente i Coordinamenti Centrali.
Nel corso dei prossimi incontri in Capogruppo chiederemo un tavolo apposito, specifico di UniCredit Spa, per affrontare l’insieme dei temi sopra richiamati.

Fraterni saluti

Milano 17 gennaio 2011

La Delegazione di Gruppo UniCredito
Fabi-Fiba/Cisl-Fisac/Cgil-Silcea-Sinfub-Ugl/Credito-UilCa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: E’ necessario uno sforzo straordinario

Login