SISTEMA INCENTIVANTE

SISTEMA INCENTIVANTE

Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole… e più non dimandare!!!

Anche quest’anno, nonostante le ripetute affermazioni sulla necessità di “cambiare il modo di fare banca”, il sistema incentivante è stato riproposto con la solita logica.

Anche quest’anno, le scriventi OO.SS. hanno sottolineato gli aspetti meno condivisibili, tra i quali:

– enfatizzazione dei risultati di breve periodo;
– squilibrio tra gli obiettivi di natura quantitativa rispetto a quelli di natura qualitativa;
– enfatizzazione del MOL, con conseguenti pressioni commerciali (ancorché negate) a scapito di Compliance e rispetto del Cliente;
– scarsa trasparenza del parametro Customer Satisfaction (a livello di Area) nell’attribuzione dei punti MBO (a livello di Team);
– disparità eccessiva tra i premi delle figure apicali e quelli delle figure di base.

L’Azienda, durante il confronto, ci ha comunicato una notevole riduzione dei Premi, con percentuali di riduzione maggiori per le figure di base, specie CM e TA (questi ultimi oggetto di un aumento dopo l’intervento da parte delle scriventi OO.SS.).
La riduzione dei premi è stata giustificata dall’Azienda con la notevole diminuzione degli utili.
Ribadiamo in questo contesto che una corretta operatività (Compliance e rispetto delle esigenze del cliente) mette al riparo da eventuali reclami e conseguenti indennizzi onerosi, visto che nel 2009 sono stati accantonati significativi importi a tal fine.

Permangono, quindi, le convinzioni del Sindacato che un sistema incentivante impostato poco sulla qualità e molto sul commerciale, stravolga il rapporto di fiducia tra il cliente ed il collega, predisponga terreno fertile alle pressioni e metta in secondo piano le esigenze del cliente.
Convinzioni ancor più avvalorate dalla situazione congiunturale che stiamo vivendo e che ha, purtroppo per tutti, mostrato i limiti del sistema.

La nostra conclusione è stata, pertanto, complessivamente negativa.

***
Un breve cenno alle ferie ed alle festività soppresse.
Primo, non confonderle; come recita l’art. 50 commi 2 e 3 CCNL 2007, è diritto del lavoratore farsi retribuire le festività soppresse non usufruite.
Le ferie sono un diritto del lavoratore e non devono essere forzate.
Un corretto riposo è comunque un buon viatico per migliorare la qualità della vita.
***
Ricordiamo inoltre a tutti i colleghi che i prelievi/versamenti di denaro contante per conto della clientela sono puniti dall’attuale normativa. I clienti devono essere pertanto invitati ad accomodarsi in cassa per le suddette operazioni.

Torino, 31 marzo 2010
Segreterie degli Organi di Coordinamento UniCredit Private Banking

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Torna su
Ho bisogno di informazioni relative a: SISTEMA INCENTIVANTE

Login